Il Mes? “Inutile, dannoso e superato”, Salvini non ha cambiato idea

Sul Mes “deciderà il Parlamento, come è giusto che sia. Io personalmente non ho cambiato idea, è uno strumento inutile, dannoso e superato”. Lo ha ribadito Matteo Salvini, vicepremier, ministro delle Infrastrutture e segretario della Lega rispondendo ad una domanda  in un punto stampa nell’ambito di Atreju, la manifestazione della destra giovanile.

“Vediamo quando si vota – ha detto- io ho espresso la mia idea. Non mi sembra il centro della nostra attenzione e della nostra politica che un pensionato, un precario eventualmente debba pagare per salvare un banca tedesca “. risponde il ministro delle Infrastrutture incalzato sulla questione. Quanto alla manovra, Salvini ha detto che rimangono rimangono gli obiettivi di legislatura, tra cui flat tax e quota 41, ma essendo all’inizio del percorso ” si ritiene “assolutamente soddisfatto”.

Il calendario dei lavori della Camera prevedeva la votazione sulla ratifica della riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes) giovedì 14 dicembre ma la discussione è slittata. Inoltre in questi mesi il governo ha tentato di usare il no alla ratifica del Mes come arma di pressione per ottenere maggior flessibilità sul Patto di stabilità. Così però l’Italia sta bloccando l’entrata in vigore della riforma e, se la ratifica non dovesse arrivare in tempo – la scadenza per gli stati europe è fissata al 31 dicembre – inessun Paese potrà ricorrere a questo meccanismo in caso di crisi bancaria.