Morto Roberto Maroni, lutto per la Lega

Redazione

Lutto nella Lega: dopo una lunga malattia è morto Roberto “Bobo” Maroni. Un tumore al cervello contro il quale lottava da oltre due anni è stata la causa del decesso. Era nato a Varese nel 1955. Lunga e di successo la sua carriera politica: ere stato tre volte ministro e una volta vicepremier, Governatore della Lombardia e segretario del partito al quale aveva aderito da giovane.  Di professione era avvocato. Da giovane militò nelle formazioni varesine di estrema sinistra,

Amicissimo di Umberto Bossi, storico fondatore della Lega Nord e suo mentore, con lui aveva fondato la Società Cooperativa Editoriale Nord Ovest, per poi fare al suo fianco tutta la sua lunga carriera politica, svoltasi sempre all’interno della Lega. Con Bossi fu protagonista di tutte le battaglie storiche leghiste a cominciare da quella secessionista. Molto distante e spesso in conflitto invece con l’attuale segretario Matteo Salvini.

Al governo era stato Ministro dell’Interno con il Berlusconi I e IV, poi Ministro del Lavoro nei Governi  Berlusconi II e III. Capo del Pirellone era invece stato tra il 2013 e il 2018.

Eletto per la prima volta alla Camera dei deputati nel 1992 è poi stato segretario federale della Lega Nord dal primo luglio del 2012 al 15 dicembre del 2013.

Appassionato di musica da sempre e buon cultore della materia negli ultimi tempi, dismessa l’attività politica, aveva ripreso a suonare l’organo Hammond anche con il suo storico gruppo “Distretto 51” di cui era tastierista da sempre. Aveva ripreso a scrivere per vari giornali (Il Foglio ed Huffington Post) ed era entrato nel Copnsiglio d’amministrazione del San Donato, il primo gruppo ospedaliero privato d’Italia,

(Associated Medeias) – Tutti i diritti sono riservati