Post Covid: Draghi risorsa da richiamare, lo dice la storia (e pure le stelle)

La Treccani ha inserito tra i neologismi la frase «Whatever it takes», («costi quel che costi»), usata da Super Mario quando era alla guida della Bce durante la crisi economica del 2012,

di Ennio Bassi

Dopo aver fatto la storia economica e finanziaria, e quindi politica nell’accezione migliore del termine, dell’Europa contemporanea Mario Draghi scrive ora un’altra pagina importante, questa volta linguistico culturale. L’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani ha infatti inserito tra i neologismi la frase «Whatever it takes», («costi quel che costi»), usata da Mario Draghi quando era alla guida della Bce durante la crisi economica del 2012, per stabilire in modo non equivocabile dai mercati il ruolo della Banca centrale europea nella difesa dell’euro. L’Istituto della Enciclopedia Italiana stabilisce un percorso linguistico che colloca nel tempo e fissa il significato storico, sociale e culturale dell’espressione che ha scandito la fase culminante della carriera istituzionale di Draghi in veste di governatore della Banca Centrale Europea, dopo esserlo stato della Banca d’Italia.

Il lavoro della redazione digitale Treccani conferma dunque anche in campo linguistico lo straordinario ruolo giocato in campo economico, politico e istituzionale da Mario Draghi, definito al termine del suo mandato da numero uno della Bce «il più importante uomo di stato europeo dell’ultimo decennio». Una leadership del resto molto apprezzata dagli italiani. In un sondaggio realizzato dall’istituto di ricerca Quorum/YouTrend per Sky TG24 l’ex presidente della Bce, con il 59,3% dei consensi, è infatti la personalità che registra la maggiore fiducia da parte degli italiani. Va detto che il senso di responsabilità verso il Paese da parte della classe dirigente e delle forze politiche più avvertite imporrebbero un immediato richiamo di Mario Draghi a servizio dello Stato per trattare alla pari con i (pochi) grandi leader europei non solo il futuro dell’Italia nella più grave recessione, guerre a parte, degli ultimi due secoli, ma anche per orientare con la sua autorevolezza e il suo carisma le scelte decisive di tutta la Comunità, come già avvenuto negli otto anni in cui ha guidato la Bce.

E che il suo Whatever it takes sia diventato anche una locuzione popolare, ben oltre il circuito politico ed economico, è provato anche dal fatto che Branko, il più importante astrologo italiano, abbia inserito il motto nel suo oroscopo quotidiano sul Messaggero: è accaduto qualche settimana fa per il segno della Vergine, che è proprio quello che comprende la data di nascita di Mario Draghi.

(Associated Medias) Tutti i diritti sono riservati